Crea sito
Un parco romantico da scoprire: Villa Il Torrione a Pinerolo

Un parco romantico da scoprire: Villa Il Torrione a Pinerolo

Dal 1° maggio al 30 ottobre 2015 apre alle visite uno dei parchi storici di maggior interesse del Piemonte e probabilmente un raro esempio di giardino romantico splendidamente conservatosi in Italia. La villa prende origine da un fortilizio, di cui restano le basi scarpate del torrione medievale nei sotterranei; nel Seicento fu trasformata in villa di campagna con ampi giardini. All’inizio dell’Ottocento venne ampliata con interventi che videro operosi anche gli architetti Ignazio Michela e Alessandro Antonelli e che gli diedero la struttura attuale di alto livello artistico nella sua forma neoclassica. Il grandioso parco all’interno esprime invece l’istanza romantica con gli interventi progettuali di Xavier Kurten, l’architetto paesaggista della corte sabauda che aveva dato forma ai parchi di Pollenzo e Racconigi nei primi decenni dell’800. Il parco è stato delineato secondo i criteri del parco romantico all’inglese, con l’impianto di essenze arboree perimetrali intorno ad un’amplissima radura centrale a prato. Il progetto, intatto ed originale, firmato dal Kurten è custodito presso la villa.  Dal 1856 il Torrione è dei marchesi  Doria Lamba. Il percorso di visita nel parco è segnato da eleganti strade sterrate ed inizia con il lungo viale di Carpini, per finire nell’immenso prato centrale sul fronte della villa. La grandissima radura, chiusa da chilometri di muro, si estende a sud, fino ad un lago ampio e misterioso. Il parco presenta ancora un raro Ha Ha che consente alla vista di perdersi lontana. Una ghiacciaia ed una collinetta artificiale sono gli elementi affascinanti tipici dell’epoca. Scorci, vedute, grandi spazi, alti alberi: Farnie, Carpini, Tigli ed esemplari di Liriodendro, Gingko, Pini, Abeti, Cedri, Cipressi calvi, Criptomerie, Libocedri, Magnolie...
Giornate FAI di primavera 2015 a Biella

Giornate FAI di primavera 2015 a Biella

Le giornate di primavera del FAI sono all’insegna degli orti e dell’agricoltura e, nel biellese, tre storici edifici a vocazione agricola saranno aperti: Villa Era e il Castello di Moncavallo a Vigliano Biellese e la Villa Rosazza a Cerreto Castello. Tutte e tre sono state interessate da coltivazioni di viti e frutteti, un passato che oggi si sta cercando di recuperare. Il castello di Moncavallo e Villa Era producono vini da intenditore già da alcuni anni, recuperando, come nel caso di Villa Era, anche antichi vitigni. Si tratta di due aziende condotte con passione da due donne, Maria Chiara Reda e Silvia Rivetti, due amiche che amano le loro case e la terra. Villa Era è stata costruita per la famiglia Magnani, imprenditori edili della Bürsch. Il giardino è caratterizzato dalla presenza del vigneto di antichi e nuovi vitigni e di un monumentale leccio. La villa ha una serra con sistemazione in pietra artificiale a imitazione di una grotta, opera del grottista Tomasi Bianchi di Varese (1888). Giuseppe Roda successivamente deve aver operato in questo giardino.  Durante l’apertura, un video illustrerà la storia di Villa Era e il suo legame storico con il campo dell’alimentazione e della salute. Sabato alle 15, Guido Piacenza, botanico, presidente del Parco Burcina, Vice Presidente dell’International Dendrology Society e Filippo Pizzoni, architetto paesaggista, storico dei giardini parlano dell’importanza del giardino per vivere in armonia. Il castello di Montecavallo, fatto costruire in stile neogotico, su precedenti rovine castellate, da Filiberto Avogadro di Collobiano, è caratterizzato da quattro torri merlate angolari e da una galleria che lo collega a una cappella isolata. Bello il parco, più...
Workshop di fotografia a Villa Bricherasio

Workshop di fotografia a Villa Bricherasio

Il giardino informale inglese è il più romantico dei giardini, quello in cui le piante vengono lasciate crescere in maniera spontanea, in modo da creare vere e proprie architetture vegetali. Muri di rose rampicanti, edere che ricoprono facciate, alberi e cespugli che celano angoli di sorprendente meraviglia: uno sfondo straordinario per allenare l’occhio alle tecniche di fotografia. Il 12 e 19 luglio, i giardini di Villa Bricherasio a Saluzzo ospiteranno un workshop di fotografia tenuto dal celebre fotografo di giardini Dario Fusaro, collaboratore di Gardenia. Villa Bricherasio è un paradiso per gli amanti della botanica e delle piante rare: vi basti sapere che qui la Victoria Amazzonica, pianta acquatica dalle larghe foglie, cresce all’aperto invece che in serra. Se volete imparare come fotografarla al meglio per rendere giustizia al suo splendore, il workshop si tiene dalle 16.00 al tramonto ed è aperto a tutti: il costo è di 60 euro. Per informazioni: dario.fusaro@libero.it....
Villa Schella: una passeggiata fra gli alberi secolari

Villa Schella: una passeggiata fra gli alberi secolari

Appassionati di botanica? Affascinati dagli alberi secolari? Domenica 6 luglio aprirà eccezionalmente al pubblico l’affascinante parco di Villa Schella a Ovada, in provincia di Alessandria. La dimora ottocentesca è circondata da un giardino ricco di alberi secolari e deve la sua esistenza alla famiglia Parodi-Delfino, che nel XIX secolo acquistò una semplice cascina per trasformarla in villa. I proprietari, appassionati di botanica e sempre alla ricerca di specie esotiche, dedicarono molte cure e attenzioni al parco, che costituiva il naturale collegamento tra l’architettura della villa e il paesaggio circostante. Domenica sarà possibile esplorare il parco accompagnati dall’agronomo dott. Pallenzone, specializzato in alberi monumentali, in un unico turno che avrà inizio alle 16.00 e terminerà intorno alle 17.00. Il costo dell’ingresso è di € 5,00; per prenotare la visita, scrivere all’e-mail...